Spedizioni garantite in 24/48h e gratuite per ordini a partire da € 50,00

Per assistenza: 347 - 763 27 38
Lun - ven: 9:00/13:00 16:00/18:00

Bevi poca acqua? Ecco i sintomi che dicono di sì

Bevi poca acqua? Ecco i sintomi che dicono di sì
01 Aprile 2021 Commenti 0

Quando parliamo di disidratazione ci riferiamo a un’eccessiva perdita di acqua dai tessuti, cui consegue, generalmente, un’alterazione dell’equilibrio di elettroliti quali sodio, potassio e cloro. Tale condizione può palesarsi quando l’apporto di liquidi è inferiore rispetto alle perdite, che possono essere dovute a diversi aspetti, come ipersudorazione, diarrea e altri disturbi.

Sintomi

Nelle fasi iniziali della disidratazione, essa è asintomatica e, quando lieve o moderata, può poi palesarsi con sintomi come sete, senso di stanchezza, crampi muscolari, brividi e cefalea.

Altri sintomi e segni clinici della disidratazione sono:

  • debolezza generale;
  • riduzione della diuresi, con urine di colore particolarmente scuro;
  • secchezza delle labbra, della pelle e delle mucose;
  • aumento della temperatura corporea;
  • calo del peso corporeo;
  • freddezza delle estremità del corpo;
  • infossamento dei bulbi oculari;
  • aumentata frequenza cardiaca;
  • assenza di lacrimazione.

Quando la disidratazione è grave, la sensazione di sete potrebbe diminuire e la pressione arteriosa può scendere, portando a vertigini o svenimento, specialmente se ci si alza in piedi in maniera veloce.

Se la disidratazione non viene curata, si va incotro al rischio di shock e gravi danni agli organi interni, quali reni, fegato e cervello, le cui cellule sono molto sensibili a livelli di disidratazione gravi. Infatti, la confusione mentale è uno dei principali indicatori della gravità della disidratazione. In ultimo, una disidratazione molto grave non curata può portare al coma.

Cosa fare

È indispensabile reintegrare i liquidi mancanti e assumere acqua. Quando la disidratazione è più grave, come a causa di lunghi episodi di diarrea e/o vomito, è meglio aggiungere sali minerali all’acqua che si beve, oppure procurarsi soluzioni reidratanti, reperibili in farmacia, mentre è assolutamente sconsigliato assumere le bevande gassate o zuccherate.

È importante tenere a mente che sottovalutare uno stato di disidratazione prolungato può avere gravi conseguenze, anche irreversibili.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Commenti: 0

Lascia un commento

L'indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *